CRITERI PER L’ATTRIBUZIONE DEL VOTO DI CONDOTTA

Approvata dal Collegio Docenti il 21 settembre 2021

Gli indicatori presi in considerazione sono desunti dallo Statuto degli studenti e delle studentesse, dalle Competenze chiave di cittadinanza, dal Patto di corresponsabilità e dal  Regolamento di Istituto come da normativa DL 137 del 1-09-2008 e del DL 122del 22/6/2009, art.7, dove si legge: la valutazione del comportamento degli alunni nelle scuole secondarie di primo e di secondo grado, di cui all’articolo 2 del decreto-legge, si propone di favorire l’acquisizione di una coscienza civile basata sulla consapevolezza che la libertà personale si realizza nell’adempimento dei propri doveri, nella conoscenza e nell’esercizio dei propri diritti, nel rispetto dei diritti altrui e delle regole che governano la convivenza civile in generale e la vita scolastica in particolare.

Tali indicatori sono quindi:

  • il comportamento, inteso come rispetto verso se stessi, verso gli altri (Dirigente, Docenti, Personale ATA, Compagni,) e verso l’ambiente;
  • l’ autonomia e responsabilità, ossia il  sapersi inserire in modo attivo e consapevole nella vita sociale, il far valere al suo interno i propri diritti e  bisogni, riconoscendo quelli altrui, le opportunità comuni, i limiti, le regole, le responsabilità;
  • la regolarità della frequenza, segnalata da assenze, assenze in coincidenza di verifiche programmate, ritardi, uscite anticipate;
  • la puntualità negli impegni scolastici, indicato dal rispetto delle consegne e delle scadenze, dei tempi di lavoro comune ed individuale;
  • la collaborazione e partecipazione, segnalata da capacità di interagire in gruppo, comprendendo i diversi punti di vista, valorizzando le proprie e le altrui capacità, gestendo la conflittualità, contribuendo all’apprendimento comune ed alla realizzazione delle attività collettive, nel riconoscimento dei diritti fondamentali degli altri.

Le mancanze significative relative agli indicatori individuati devono essere riportate sul registro elettronico attraverso note disciplinari; tali mancanze, se reiterate, possono condurre a sanzioni più gravi quali la convocazione dei genitori e la sospensione.

Il coordinatore della classe, prima di ogni scrutinio, monitora numero e qualità delle note scritte personali di ciascun allievo, con particolare attenzione alla iterazione e/o gravità delle stesse ed alla loro attribuzione da parte di diversi docenti.

I Consigli di classe valuteranno la gravità ed il numero delle note per attribuire, secondo i descrittori indicati, il voto del comportamento.

La proposta di attribuzione del voto e dei descrittori che lo giustificano è fatta dal coordinatore, sentito il docente con il numero maggiore di ore di lezione; l’attribuzione finale del voto è collegiale. Un voto potrà essere assegnato anche nel caso in cui non si verifichino tutte le voci degli indicatori: il voto è determinato infatti da una prevalenza quantitativa e/o qualitativa degli indicatori.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA CONDOTTA DEGLI STUDENTI


Sei in “Area 1 – Sviluppare le competenze individuali – 4. La valutazione didattica – 4.3 Schede dei parametri di valutazione (disciplinare e di condotta”

Torna ad Area 1

Torna a “PTOF 2019/2022”

Print Friendly, PDF & Email